13/01/2017

Rapporto OCSE 2016: dati e prospettive su ricerca e innovazione nel mondo


L’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) ha recentemente pubblicato OECD Science, Technology and Innovation Outlook 2016: il Rapporto 2016 su Scienza, tecnologia e innovazione. Pubblicato ogni due anni, il documento fa il punto sullo stato della ricerca scientifica e tecnologica nel mondo. Il suo obiettivo è informare decisori politici e analisti sui recenti e prossimi cambiamenti globali nell’organizzazione della scienza, della tecnologia e dell’innovazione e le loro potenziali implicazioni sulle politiche nazionali e internazionali.

Dal Rapporto emerge che, nei Paesi OCSE, le spese dei governi in ricerca e sviluppo (R&D) e nell’istruzione post-secondaria sono crollate nel 2014 per la prima volta dal 1981, anno a partire dal quale sono stati raccolti i dati. Questa linea di tendenza è cominciata nel 2010, quando i finanziamenti per la ricerca e l’istruzione superiore, la maggior parte dei quali pubblici, hanno cominciato ad arrestarsi dopo 3 decenni di crescita. Nel Documento, i dati sulla percentuale del bilancio pubblico dedicato a ricerca e sviluppo nel periodo compreso tra il 2000 e il 2015 mostrano come paesi quali Germania, Giappone e Corea stiano investendo in R&D più adesso che nel 2000 in termini di quota di spese totali, mentre altri paesi – tra cui Australia, Finlandia, Francia, Italia, Spagna, Regno Unito e Stati Uniti – abbiano ridotto i loro sforzi. Nel complesso, la spesa totale in ricerca e sviluppo nell’area OCSE è diminuita dal 2009, a seguito della crisi finanziaria globale.

Il Rapporto delinea anche le principali “mega-tendenze” ambientali, economiche, sociali, attualmente in corso a livello globale: dai cambiamenti climatici all’invecchiamento della popolazione, dalle sfide in campo medico alla crescente digitalizzazione, dall’intensificazione della concorrenza mondiale ai mutevoli profili delle migrazioni, dalla progressiva restrizione delle risorse disponibili alle crescenti minacce alla sicurezza. Fattori, questi, che potranno fortemente influenzare e a loro volta essere influenzati dai futuri programmi di ricerca e innovazione.

 

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.